accettazione

Gli insegnamenti dello Yoga sono davvero tantissimi, e il vero Yoga consiste proprio nel riuscire a metterli in pratica nel quotidiano a prescindere dal lavoro sul tappetino.

Quando riusciamo a creare equilibrio tra pratica e ciò che scegliamo, diciamo, e pensiamo ogni giorno nella nostra vita quotidiana allora stiamo vivendo in modo yogico, e possiamo permettere alla nostra vita di trasformarsi nella migliore che possiamo sognare, non perché diventerà perfetta, ma perché noi riusciremo a cambiare le nostre azioni e reazioni sviluppando accettazione, forza e gratitudine ed iniziando ad attirarci eventi e persone in linea con il nostro stato energetico.

E proprio sull’accettazione ci fermeremo a riflettere

Accetta , accetta, accetta l’essere strani, accetta ogni cosa perché la perfezione non esiste e non esisterà mai. Parti da te, parti da te stesso, fai una lista di tutto ciò che non ti piace e fai una cosa accetta, accetta, perché l’unico modo per andare avanti perché le cose cambino è accettarle, più combatti ciò che non ti piace, più fai persistere ciò che non ti piace , dai troppa energia al volerle eliminare. Dobbiamo accettare e quando accettiamo vuol dire che abbiamo compreso , e una volta compreso, quelle cose sfumano, è magia? Non so, ma è cosi, e quell’aspetto di te che non ti piaceva o degli altri che non ti piaceva, inizia a sfumare e lascia lo spazio alla gratitudine. La gratitudine è la chiave che aprirà la porta verso il nuovo, verso un futuro migliore, verso un futuro in cui siamo persone migliori, quando proviamo gratitudine siamo sempre sulla strada buona, è quella sensazione che ci fa capire che: “si è proprio cosi “ lo stiamo facendo nel modo giusto. Quindi sii grato anche di quei difetti, di quelle mancanze, di quei litigi, sii grato di questo perché sono tutti insegnamenti , sono tutti campanelli che ti vogliono insegnare qualcosa, sono tutti campanelli che ti dicono accetta, comprendi e vai avanti, un passo alla volta, respira e partendo da qui inizia il tuo personale viaggio.

Namaste

Lascia un commento