Come praticare in primavera

Fiducia nel mistero

Consigli pratici per fare yoga in primavera

Come la terra e gli animali si risvegliano dal lungo letargo dell’inverno, anche il nostro corpo in primavera inizia piano piano a sentire il bisogno di muoversi.

E’ questo il periodo perfetto per iniziare a sviluppare fede e fiducia in se stessi attraverso la regolarità nella pratica.

 L’inizio della primavera è anche il momento ideale per dedicarsi alle pratiche di depurazione del corpo, per aiutare il corpo ed in particolare il fegato a disintossicarsi dalle tossine accumulate durante la stagione invernale.

Durante la prima parte della primavera possiamo praticare aumentando gradualmente il ritmo.

I cicli di Saluto al sole possono essere eseguiti con un ritmo un po’ più intenso e veloce rispetto all’inverno, per poi tornare ad assumere un ritmo più lento verso la fine della primavera, quando le giornate iniziano ad allungarsi e le temperature a salire.

Se l’inverno era la stagione ideale per praticare l’interiorizzazione, la primavera, invece, rappresenta il momento ideale per praticare con un atteggiamento di apertura e divertimento.

Asana per la primavera

L’inizio della primavera è il momento ideale per prediligere le posizioni di torsione, che agevoleranno il processo di depurazione, e le posizioni che aumentano il fuoco digestivo, cioè quelle che lavorano con gli addominali e che stimolano l’energia del 3′ chakra

Le posizioni ideali per questa stagione sono quelle che lavorano per sviluppare la parte alta del petto, per aprire il torace.

Durante la seconda parte della primavera, invece, quando il caldo inizierà a prendere il sopravvento, è meglio ridurre l’intensità della pratica e prediligere posizioni più tranquille, come gli asana di flessione in avanti.

In primavera possiamo dedicarci a Surya Bedha Pranayama, una respirazione ideale per aumentare il fuoco gastrico ed accelerare il metabolismo.

Augurandoti che la tua primavera si concluda nel migliore dei modi buona primavera, namastè

Lascia un commento