Il quarto chakra - Anahata

Quarto Chakra. 

Il chakra del cuore è il chakra più centrale. Unisce i chakra superiori, più spirituali e che rappresentano elementi che stanno al suolo, a quelli inferiori, più materiali e aurei. L’Anahata rappresenta inoltre l’aria, che unisce la terra con il cielo. Il quarto chakra è quindi un vero anello di congiunzione tra il sopra e il sotto, tra il terreno e lo spirituale, e questo è dimostrato anche dai due triangoli al suo interno, uno con la punta verso l’alto, a indicare il cielo, e uno con la punta verso il basso, a indicare la terra.

Il quarto chakra è in stretta correlazione con i polmoni e con la respirazione.

Quando è aperto siamo capaci di amare incondizionatamente, mostrandoci generosi con gli altri, premurosi e di cuore. Ma non siamo totalmente dipendenti dagli altri e riusciamo ad amare anche noi stessi e la nostra vita. A livello fisico, l’aria riesce a entrare fluidamente nei nostri polmoni, carica di ossigeno, che viene trasportato nel resto del corpo da un funzionale sistema circolatorio.

Se il quarto chakra si chiude, i problemi che ne derivano sono legati alla sfera affettiva. Siamo incapaci di amare prima di tutto noi stessi e di conseguenza anche chi ci circonda. Diventiamo freddi e apatici, sempre diffidenti e circospetti perché si tende a non fidarsi di nessuno.

Se si apre troppo, invece, la nostra attenzione si concentrerà esclusivamente sugli altri per distogliere l’attenzione da noi stessi. Ma non sarà un amore disinteressato: cercheremo bensì di trarre il maggior numero di benefici da una relazione, senza l’intenzione di dare qualcosa in cambio. Vediamo allora come riequilibrarlo.

Come riequilibrare il quarto chakra

Le Asana che aiutano a riaprire il quarto chakra sono tutte quelle dove il torace è protagonista, come ad esempio la Anahatasana o la Dhanurasana, e tutte le tecniche di respirazione, come il Pranayama. Puoi inoltre concentrarti ascoltando il mantra Yam, il mantra legato al quarto chakra, mentre fai pratica oppure mentre fai meditazione.

Namastè

Lascia un commento